Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/adott398/domains/adottaundelfino.it/public_html/wp-content/themes/Divi/includes/builder/functions.php on line 5917
L’Italia per restituire centinaia di cimeli culturali in Cina | Società e cultura
Seleziona una pagina

Quasi 800 vasi e sculture antiche stanno tornando a casa in Cina, dopo che l’Italia ha annunciato che avrebbe restituito i manufatti commercializzati illegalmente.

Gli oggetti sono stati trovati per assomigliare a quelli scoperti durante gli scavi archeologici nelle province intorno alla Cina, tra cui Gansu, Qinghai e Sichuan. Alcune risalgono al Neolitico, con oggetti più recenti provenienti dalla dinastia Ming (907-1664), secondo una dichiarazione rilasciata venerdì dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Le autorità devono ancora spiegare come i 796 manufatti finirono in Italia, anche se una dichiarazione confermava che erano “di origine illecita”. Gli investigatori di Monza hanno dapprima esaminato gli oggetti dopo che erano stati messi in vendita nella vicina città di Roncadelle, e le autorità cinesi hanno successivamente confermato la loro provenienza.

Lo scorso novembre, un tribunale di Milano ha ordinato la restituzione degli oggetti in Cina, anche se l’annuncio del governo sembrava coincidere con la visita del presidente Xi Jinping a Roma.

La mossa arriva quando i due Paesi hanno firmato un accordo simbolico che li vedrà lavorare insieme per combattere il traffico illegale di opere d’arte. Il ministro della cultura italiano, Alberto Bonisoli, ha dichiarato che l’accordo ha segnato un passo importante nelle relazioni tra i due Paesi.

“Il modo più importante per proteggere (cimeli culturali) è combattere il mercato illegale dei cimeli culturali”, ha detto sabato a Roma. Dobbiamo cooperare per rendere non redditizie le transazioni di cimeli culturali acquisiti illegalmente”.

“Siamo orgogliosi di poter restituire ai nostri amici gli oggetti che abbiamo trovato perché rappresentavano l’identità e il patrimonio del popolo cinese”.

L’annuncio è stato dato quando l’Italia è diventata la più grande economia ad aderire all’iniziativa di Pechino “Belt and Road”. Il sostegno italiano è visto come una grande vittoria per il progetto di punta del Presidente Xi, che mira a collegare la Cina all’Europa, all’Africa e all’Asia attraverso una serie di nuovi porti, ferrovie e strade lungo i corridoi commerciali terrestri e marittimi.

In occasione della prima visita di un presidente cinese in Italia in un decennio, Xi si è impegnata a investire in porti italiani attraverso i quali le merci cinesi vengono importate in Europa. Ma l’accordo è stato criticato da alcuni politici italiani preoccupati per le implicazioni per la sicurezza nazionale.

Cina

Il professor Quentin Parker, che insegna patrimonio culturale all’Università di Hong Kong, ha detto che c’è una tendenza crescente di paesi che rimpatriano gli artefatti – specialmente in Cina.

“La Cina è stata molto attiva nello spingere per il rimpatrio di oggetti (che) hanno chiaramente dimostrato di essere stati saccheggiati dalle tombe cinesi, per esempio”, ha detto in un’intervista telefonica, aggiungendo che la forza politica della Cina ha dato maggiore influenza quando si richiede la restituzione di oggetti storici.

“E’ il messaggio politico che qui è importante”, ha aggiunto. Gli artefatti stessi sono una borsa mista di varie epoche, età e qualità”. Essi (i musei) faranno uno sforzo per rimpatriare gli oggetti quando c’è una pressione politica significativa”.

L’accordo tra Cina e Italia si inserisce in una serie di appelli di alto profilo per la restituzione dei manufatti storici ai loro paesi di origine. Lo scorso novembre la Francia ha restituito 26 opere d’arte al Benin, più di un secolo dopo averle portate via dalla nazione dell’Africa occidentale. Il Regno Unito e il Belgio hanno anche ricevuto telefonate da governi stranieri che chiedono la restituzione di oggetti museali presumibilmente rubati.

Parker traccia paralleli tra gli appelli della Cina per la restituzione del suo patrimonio culturale e i recenti sforzi di restituzione da parte di altri paesi.

“Ci sono musei del mondo occidentale che sono pieni di artefatti che sono stati acquisiti in circostanze losche, tornando indietro”, ha detto. La Cina ha avuto così tanto della sua ricchezza culturale distrutta e anche rubata nel corso dei secoli, e soprattutto negli ultimi decenni, quindi sta cercando di prendere posizione e dire: “Dobbiamo proteggere il nostro patrimonio culturale e vorremmo riavere i nostri oggetti”.

La Cina ha firmato accordi con più di 20 paesi in materia di antifurto, anti-escavazione, contrabbando illegale di cimeli culturali, secondo la National Cultural Heritage Administration del paese.

Una dichiarazione separata rilasciata sabato dalle autorità italiane ha dichiarato che la merce rubata dovrebbe essere esposta a Pechino nel 2020.